Cerca nel blog

domenica 12 febbraio 2017

Il mondo com'è (294)

astolfo

Assiri – Non èpiù tempo di cristiani nel Medio Oriente, l’islam che difendiamo li ha scacciati a uno a uno – non trascurando i genocidi - da un secolo abbondante. La cosa non è riuscita con gli armeni, che si sono protetti nella nascente. All’opposto, è truscita integramente con gli assiri. Questo un estratto di Astolfo, “La morte è giovane”, in via di pubblicazione, pp. 393-395..
“I caldei sarebbero gli assiri: gli antichi nestoriani che portarono Cristo dalla Siria all’India, e fino alla Cina, qualche famiglia di siriaci ancora vi resiste. E se si riprendono Ninive farebbero il primo stato petrolifero cristiano. Semita cattolico. Ninive è l’odierna Mossul, la prima città del petrolio. Se se la riprendono saranno una potenza, in attesa magari di costituire un Assiristan, quando il prossimo conflitto dislocherà Iraq, Iran e Turchia, prendendosi la rivincita sui curdi che li hanno massacrati.
“La storia è lunga, l’impero ebbe 116 re, più di quello romano, e viene per questo divisa in tre parti, paleoassira, medioassira e neoassira, ma finisce nel 612. Avanti Cristo. Resterà nella Bibbia, per avere conquistato il regno di Israele. Nonché poi - con l’eversore Nabuccodonosor II, re di Babilonia - Gerusalemme e il regno di Giuda. Avevano la passione delle biblioteche, con centinaia di migliaia di esemplari. La biblioteca di Assurbanipal a Ninive ebbe per l’antichità il valore mitico della biblioteca di Alessandria oggi. Ma erano dei duri. Nei palazzi di Khorsabad, Babilonia, Susa scolpivano scene di guerra, sfilate di prigionieri, corpi fatti a pezzi, città distrutte. Il mondo di Assur, riemerso a metà Ottocento, fu innanzitutto una civiltà militare. A Tell Asmar, non lontano da Bagdad, è immortalato un gigante tagliatore di teste. Erano uomini che non sorridevano. E c’è questa coincidenza, forse fortuita: gli animali gli assiri raffiguravano a cinque zampe, come il cane dell’Eni – o il cane ne ha sei?
“Il primo impero semita si allargò a Babilonia, Urartu, Fenicia, Palestina, Egitto, dove Assurbanipal conquistò nel 643 Tebe. E fu la fine: medi e babilonesi invasero l’Assiria e distrussero Ninive. Come l’Europa, correvano troppo. Poi i curdi li cacciarono. Sklovskij li ritrova quando non ebbero altra scelta che mettersi coi bolscevichi. Dimenticati dai turchi tra i monti attorno al lago di Urmia, in lite coi curdi, seppure muti, sono appoggiati dagli americani, oltre che dai bolscevichi, e armati di vecchie carabine senza otturatore. Così “marciano le truppe locali degli assiri” davanti al giovane commissario politico russo. Il lago, “più salato delle lacrime”, è per questo motivo privo di pesci, ma è allietato dai flamingo, che fanno il cielo rosato quando volano. Attorno “i torrenti sfrigolano sulle pietre, come fornelli a petrolio, di notte splende una pazza luna”, tra “le ombre degli archi scoscesi di ponti distrutti mille anni fa”.
“Gli ultimi assiri si vedono a Persepoli: tributari, soldati, funzionari ascendono i bassorilievi dello scalone che la follia di Alessandro non riuscì a distruggere. Altri, dispersi tra l’Europa e le Americhe, si riconoscono, simili ai copti che si negano, dai nomi, i suoni, le fisionomie, e grazie ai possenti archivi Usa dello stato civile. Si danno nomi diversi, siriaci, aramaici, caldei, othoraici, e sono di religione ortodossa, nestoriani, giacobini, o cattolica, caldei, melchiti, maroniti. I cattolici si sono spinti fino in Cina in epoca remota, per la via del Pamir o dell’Indocina. Possono essere pure protestanti, si sono aggiornati. E si organizzano in tre chiese, Madinha, Siriana e Caldea, oltre alle piccole chiese riformate. Ma non sono padroni neppure dove sono più numerosi, attorno a Ninive.
“Nulla muore, si sa, nella storia. La storia è incancellabile, sia pure labile. O gli assiri un buon caso fanno d’invenzione della tradizione: ricostituirsi a nazione basandosi sulla storia antica, e sulle risoluzioni del-’Onu che proteggono le minoranze. Ma sono, benché pochi, divisi. Sono nestoriani, questo il loro nome nell’impero ottomano, e quindi in fuga, confondendosi con gli armeni. Per ultimo i turchi li cacciarono dal ventilato altopiano verso le paludi malariche dell’Eufrate, dove furono di nuovo massacrati nel 1933, dal capo iracheno Bakr Sedqi, e le sabbie roventi della Siria e della penisola arabica. Nell’Alta Mesopotamia se ne contavano, alla vigilia del 1914, oltre un milione. Uno dei due o tremila che sopravvivono nella Bassa Mesopotamia fa il volto buono di Saddam, che lo manda nelle capitali a parlare con gli altri ministri degli Esteri” – è il famoso Tareq Aziz.

Democrazia – Nasce dalla religione, riflette Octavio Paz, il poeta diplomatico messicano, negli Usa. Dove il rapporto, ogni rapporto, è sentito fondamentalmente eguale: “Forse è per via delle origini religiose della democrazia americana, che altro non era se non una trasposizione dalla comunità religiosa alla sfera politica e dallo spazio chiuso del tempio a quello aperto della pubblica piazza. La democrazia religiosa protestante precedette quella politica. L’esatto opposto che da noi”,  nel Messico, nell’America latina, nella latinità, “dove la democrazia, antireligiosa in origine, fin dall’inizio non tese a rafforzare la società di fronte al governo ma piuttosto il governo di fronte alal chiesa”.

Normanni – Ritornano”agenti del papa”, per la latinizzazione dell’Italia meridionale, nella polemica ortodossa. Non senza fondamento. La bolla “Quia propter prudentiam tuam” di papa Urbano II, 1097, faceva di Ruggero il Normanno, fratello e, in un primo momento, vassallo di Roberto il Guiscardo, e dei suoi successori un “Legato Apostolico”. Un inviato cioè del papa. In un Sud che, non si diceva, ma in sostanza era da considerarsi terra infidelium. La conquista normanna sarà l’ultimo atto della guerra tra impero d’Oriente e impero d’Occidente – una coda, in due imperi esistendo solo di nome.

Usa – A lungo non hanno saputo come chiamarsi. Fu controversia di oltre mezzo secolo. Poe nel 1848 argomentava a favore di Appalachia – meglio, diceva, di Alleghenia.
In realtà, la costituzione parla di Stati Uniti d’America già dal preambolo. Ma la federazione avrebbe voluto distinguersi dal resto dellAmerica, sulla quale non aveva ancora un ruolo preminente. 

astolfo@antiit.eu

Nessun commento: