Cerca nel blog

giovedì 4 gennaio 2018

Letture - 330

letterautore

Amleto – È un altro nella lettura di Alda Merini (“La vita facile”, 66 segg.) ma non incongruo. Uno che incanta le platee ma “non ha una logica, un’assonanza, una felicità interiore”. Un intellettuale, “un pavido come tutti i poeti”, che “vuol far credere di essere incerto”, e così “disorienta i nemici, li sorprende”. Un neghittoso. Uno. Due: “Che cos’è la follia di Amleto se non un enorme complesso edipico che lo spinge a ignorare se stesso?” Non il “succube di un destino avverso”: “Non è sua madre che combatte, non è il patrigno… da cui ha avuto una grande prova di correttezza”. È u o he “lotta contro i suoi demoni”, le sue figure e vendette “non sono rivolte agli altri ma a ciò che lo turba”. Tutto ciò può fare teatro, spazzando via “l’ingegno degli altri”. Ma, per quanto genio, non può “spazzare via da solo le vendette delle azioni”, perciò sceglie di uccidere, “perché non ha altra soluzione”.

Amore – È tema romanzesco per eccellenza, più della guerra, dai tempi di Omero. L’antichità pullulava di romanzi dì’amore, a preferenza di ogni altro genere, di avventura, di misteri, di esotismo.
È esso stesso avventura, nei romanzi, fino a Orlando, l’“Innamorato”, il “Furioso” e quello di Virginia Woolf.

Berenice – La prima a introdurre, come regina, e a praticare, con Mesopotamia, il matrimonio lgbt. Fra le tante Berenice che si sacrificano per i mariti Tolomei, ce n’è una, che ascenderà al trono dei faraoni e sposerà Mesopotamia, con un vero e proprio matrimonio. È una delle parti perdute del romanzo “Babilonica” di Giamblico, di cui è residuato solo il sunto di Fozio nella sua “Biblioteca”. Questa Berenica e la sua sposa Mesopotamia sono due personaggi eponimi, e non storici, ma non per questo meno reali.
La possibile Berenice reale – l’unica individuabile fra quelle storiche – è tipo poco tranquillizzante. L’identificazione storica più prossima, per date, contesti e carattere, è infatti con Cleopatra Berenice Epifania, detta Berenice IV. Una che in paio d’anni, tra il 58 e il 55 a .C. riuscì a detronizzare il padre Tolomeo XII Aulete, a nominarsi reggente, in coabitazione con la madre per un anno, fino alla morte di lei, mentre impegnava a sposarla un cugino, Seleuco VII, che poi assassinava, a sposare in seconde nozze un gran sacerdote di Bellona in Cappadocia, Archelao, per poi essere giustiziata dal padre, che si era preso la rivincita.

Femminicidio – Si può dire un esito dell’impotenza, psicologica se non sessuale. Un vecchio detto greco ha: “Uno Scita uccide quando beve, un eunuco quando ama”.

Paternità – Su di essa A.Merini esemplifica la voce “Distanze”, nella raccolta di riflessioni “La vita facile”: “Noi bambini davamo del voi a nostro padre, stabilendo così la distanza che ci vuole tra il genitore e il figlio nella gerarchia di anime.  Quel voi non era banale disciplina, stava a significare che lui non ci aveva generati con il sesso ma con la sua mente, con la sua audacia. Egli con la mente conduceva la nostra volontà, era l’educatore. L’uomo buono e giusto per eccellenza”.

Questione della lingua – Nella “questione della lingua” da cellula Pci (“sì, ma”), impostata da Pasolini con una conferenza nel 1964 in giro per l’Italia nel circuito Aci, “Rinascita” promosse un dibattito col suo mensile culturale “Il Contemporaneo” a fine gennaio 1965. Parteciparono molti scrittori. Pasolini replicò, “vivacemente e diffusamente”, dice Calvino (“Una pietra sopra”, p.143) il 6 marzo con un “Diario linguistico”. Calvino non fa mancare il suo “ma sì”: “Le mie conclusioni sono in disaccordo con quelle di Pasolini. Ma devo dire che nel suo scritto ho trovato molto di stimolante e di vero, nella impostazione generale, in alcune delle rapide analisi stilistiche (non dove parla di me, purtroppo) e in parecchie osservazioni marginali”.
Cosa diceva Pasolini? Non poco: “Il rapporto di Calvino con l’italiano medio sta tra quello di Soldati, di Delfini e di Moravia”. Cioè sta nell’indistinto, nella non lingua – “il rapporto di Soldati con l’italiano medio è di accettazione fondamentale di esso in quanto lingua dell’Ottocento”, quello di Delfini idem (e chi è Delfini?), “l’italiano di Moravia è una «finzione»  di italiano medio”. Ma, poi, Pasolini “sistema” in due pagine, di cui una solo per Moravia e Morante, una buona metà del Novecento

La questione della lingua l'Italia l'ha avuta per prima, con Dante, e molto bene argomentata . Poi non l’ha aggiornata. L'ha replicata per mero spirito retorico con Bembo, Giordani, Manzoni e Pasolini. Il veneziano Bembo, “Prose della volgar lingua”, è quello che ha intronizzato il toscano trecentesco. Ne nascerà la Crusca, che fino a non molti anni fa si è voluta conservatrice.
L’illuminismo lombardo attorno alla rivista “Il caffè”, di Beccaria e i fratelli Verri, e quello di Baretti, hanno tentato di svecchiare, con aperture alle novità, compresi i “forestierismi”.
Un’apertura subito chiusa. Da Manzoni, nientemeno, nelle vesti di restauratore, subito dopo l’unità d’Italia. La “Relazione” che scrisse per il ministro dell’Istruzione Broglio fu un invito a restare nel toscano, se non nel trecento. Qualcuno si oppose, in particolare Graziadio Isaia Ascoli, ma con poche armi di fronte al mostro sacro lombardo.
Ma già con Pietro Giordani, subito dopo l’inforestieramento napoleonico, e con la rivista “La Biblioteca italiana”, Milano aveva respinto l’invito di Mme de Stäel, “Sulla maniera e l’utilità delle traduzione”, a sprovincializzare la lingua. Niente da fare, rispose Giordani, gli scrittori italiani non hanno che da rifarsi ai classici, quelli italiani dopo quelli latini e greci, “opere perfette”, pena la decadenza – questo nel 1816, nel 1817 Giordani avrà occasione di leggere Shakespeare, e ne sarà turbato  (mentre il suo monito sarà ripreso alla lettera un secolo dopo da Gadda, ma in senso maccheronico, ironico).  :   

Quasimodo – “Ed è subito sera” (“Ognuno sta solo sul cuore della terra\ trafitto da un raggio di sole:\ ed è subito sera”) fa eco al Giamblico del romanzo di Merežkovskij su Giuliano l’Apostata. Al quale il filosofo, maestro occasionale, in una scena memorabile del romanzo consiglia: “Ascolta il silenzio della sera: esso parla meglio di qualsiasi parola”. Reminiscenza di una lettura dell’adolescenza – il romanzo e Merežkovskij erano lettissimi fino agli anni 1930?

Romanzo – È nato greco. La classicità pullula di romanzi, quasi tutti (le eccezioni più note sono solo due, “L’asino d’oro” di Apuleio, e il “Satyricon” di Petronio) in greco. A opera di greci: Caritone, Senofonte Efesio, Longo Sofista, Antonio Diogene. Scrivevano in greco anche romanzieri di altre nazionalità: Eliano, romano, Eliodoro, fenicio, Achille Tazio, alessandrino, Giamblico, siriano, Luciano naturalmente, siriano, e anche Apuleio, di Madaura in Algeria, che spesso scriveva in greco, anche lui.

letture@antiit.eu 

Nessun commento: