Cerca nel blog

lunedì 14 novembre 2022

Il senso della lingua di Camilleri

Una “ripresa” importante, anche per non addict di Camilleri. Il titolo è alta filosofia – Merleau-Ponty, “Senso e non senso”: “…. Il corso delle cose è sinuoso…”. Lo svolgimento è di Camilleri apprendista, di se stesso. E non è granché, va detto sbito.

Il primo romanzo, che lui data aprile 1967-dicembre 1968, vent’anni o più prima di Montalbano. Passato per diversi grandi autori e editori, Dante Troisi, Niccolò Gallo, Nino Palumbo, Franco Scaglia, Sergio Amidei, a nessun effetto. Finché non se ne fece uno sceneggiato Rai in tre puntate, “La mano sugli occhi”, regista Pino Passalacqua, e l’editore a pagamento Lalli consentì a pubblicarlo a condizione di figurare come editore nei titoli di coda. E siamo a settembre 1978. Pubblicato senza nessuna eco.

Il romanzo è stato recuperato dopo “Il birraio di Preston”, che fu un successo. Ma non siamo ancora a Montalbano. C’è un maresciallo dei Carabinieri, Corbo, ma non ne è la copia. Altri ingredienti già ci sono. L’incubo. Il circolo dei notabili – l’avvocato, il dottore, l’ingegnere, il ragioniere, i discettatori, a tempo perso. C’è una prima geografia di luoghi per qualche verso riconoscibili. Ma non c’è la squadra dei soliti noti, Mimì, Fazio, Catarella, Adelina, il dottor Pasquano, che fa correre la narrazione. E non c’è neanche il gusto semplice, e ardito, del plot: molte divagazioni non si seguono, oltre che rallentare la lettura.

Quello che è importante del libro è la nota finale. In cui Camilleri spiega la formazione del suo linguaggio. Come una sua lingua interna, pensata sintatticamente in italiano ma parlata con i ritmi e i suoni suoi personali, della lingua in cui era nato e cresciuto, storpiata semmai dalla lontananza e dalla discontinua frequenza.

Un primo romanzo dedicato all’amato e rispettato padre.

Andrea Camilleri, Il corso delle cose, “la Repubblica”, pp. 143 € 8,90

Nessun commento: