Cerca nel blog

mercoledì 12 agosto 2020

Cronache dell’altro mondo - 69

Il partito Repubblicano, il partito del presidente Trump, è stato fondato nel 1854 a Ripon, nel Wisconsin, in opposizione al Kansas Nebraska Act, cioè alla perpetuazione dello schiavismo, giacché lo estendeva al di sopra del 36mo parallelo, violando il compromesso del Missouri del 1820, che invece lo vietava al di sopra di quella latitudine.
La legge Kansas Nebraska creava i due nuovi stati per farci passare la ferrovia a Ovest, verso la California.
Il partito Democratico ha cessato di essere segregazionista solo nel 1964, dopo la morte del presidente Kennedy, quando il suo successore Lyndon Johnson, ex governatore del Texas, firmò il Civil Rights Act, alla presenza di Martin Luther King. Da allora, gli Stati del Sud votano repubblicano.
Il candidato Democratico alle presidenziali di novembre, Joe Biden, ha scelto come vice Kamala Harris, che è afro-americana e poliziotta pura e dura. Da procuratrice distrettuale a San Francisco, e poi da procuratrice generale della California, è famosa per aver difeso – col temporeggiamento, le omissioni, i rinvii – la polizia accusata di abusi, e per il mancato riconoscimento, in alcuni casi celebri, dei diritti dell’accusato per ingiuste condanne. La partita in America è tutta Law and Order -  a chi ce l’a più duro, direbbe Bossi.
Le agenzie americane d’informazione , cioè le agenzie di spionaggio e controspionaggio, non si applicano a prevenire attacchi ostili, ma ad analizzare il “voto” delle potenze estere nelle elezioni nazionali. Lo hanno fatto nel 2016, quando denunciarono la Russian connection, provocando poi il Russiagate, il processo ai rapporti Trump-Putin, finito nel nulla. Ora affermano che c’è chi sta per Trump (Russia) e chi per Biden (Cina). Il direttore del National Counterintelligence and Security Center, Bill Emina, che coordina le agenzie di spionaggio, si limita a registrare gli attacchi della Russia a Biden e della Cina a Trump. Un notaio.
Curioso per una democrazia, ma è quello che avviene in America. Dove peraltro le agenzie di spionaggio sono sedici. Cioè, sono agenzie politiche, politicizzate, pro o contro questo e quel politico americano. Lavorano, in regime (presuntamente) elettivo, un po’ come l’ex Kgb in Russia, che ha avviato e controllato la desovietizzazione del Paese, se ne è appropriata e tuttora si ritiene controlli l’economia e il Paese.

Nessun commento: