Cerca nel blog

giovedì 24 agosto 2017

Il giallo al tempo dei magnaccia

Un inedito di tanto autore non può che sorprendere. Ma più sorprende un senso di povertà o angustia, di tanta violenza per nulla. Di fronte alla criminalità di oggi globalizzata: miliardaria, anonima.

Questa è una storia di magnaccia. Uccidono anche con le mani. Non abbastanza per fare un noir oggi. La – sardonica? involontaria? – parodia di uno dei cardini del mercato lo riscatta in parte: il cattivo è da manuale di economia. Una figura schumpeteriana, un magnaccia monopolista: vuole il monopolio dei bordelli per potere poi fare i prezzi, e a questo scopo riduce l’offerta. La scarsità crea a suo modo, eliminando col vetriolo le ragazze di strada. Ma non è che i monopolisti veri battano strade serafiche.

È scorretto, è la sola novità: i cattivi sono “una negra” e “un negro”, le puttane fanno le puttane, i killer sono rifiuti, anche fisici. O allora la sorpresa è di come è cambiata non la criminalità ma la percezione della criminalità. Della criminalità criminale di una volta rispetto a quella glamour di oggi, eroicizzata.  
Un’altra sorpresa è che, in tanta mediocrità, qui c’è ancora il sesso. Che invece è scomparso dalla globalizzazione in genere, non solo da quella criminale, dove solo i soldi eccitano. Con periodiche scene di sadismo, come in ogni storia inglese – qui anche per mano femminile.
James Hadley Chase, La tratta delle bianche, Giallo Mondadori, pp. 203 € 6,50  

Nessun commento: