Cerca nel blog

domenica 30 dicembre 2018

Veneto borghigiano


Una raccolta di racconti pubblicata da Feltrinelli quando curava le “voci nuove” e i “franchi narratori” - preistoria editoriale, e letteraria. Ma Gabriella non era un’avventizia. I racconti hanno una cifra letteraria definita più vicini, in chiave veneta a lei contemporanea, anni 1950-1960, a Meneghello che a Parise, di entrambi condividendo una sorta di stupore di fronte alle cose e agli eventi. In un’Italia, anche, ancora borghigiana.
Una raccolta poi rimasta unica. Gabriella restò travolta dal Sud America, dalla politica sudamericana. Ottima retorica, impolitica. Dalle finte geografie della fame, che sono il motore del sottosviluppo – le finte, non la fame.
Gabriella Lapasini, I racconti del borgo


Nessun commento: