Cerca nel blog

domenica 13 gennaio 2019

L’arte è la felicità


Dei tanti scritti di Briganti, collaboratore assiduo di rotocalchi e quotidiani, la storica dell’arte e sua biografa Laura Laureati ha scelto una serie di ritratti, di amici o artisti. Che sono racconti in sé.
Gli interessi di Briganti, allievo e assistente di Roberto Longhi a Firenze, professore di Arte Moderna e Contemporanea a Siena e a Roma, “conoscitore” e collaboratore di antiquari, sono molteplici. Partecipava ai dibattiti su leggi, leggine e regolamenti del mondo dell’arte. Fu molto amico e in qualche modo collaboratore di Argan, sindaco di Roma – qui ricordato, così come Carlo Ludovivo Ragghianti, altro storico dell’arte. E ciò malgrado una persona riservata, nel ritratto che a sua volta fa di Briganti nella prefazione Alvar Gonzáles-Palacios. Ma buon narratore. Fine ritrattista.
Di Pasolini, che non conobbe benché sia stato anche lui allievo di Longhi a Bologna, un lustro più tardi, testimonia in breve la vena pittorica, la “natura essenzialmente visiva” del suo racconto cinematografico. Interlocutore quotidiano di Federico Zeri, altro connoisseur  occhio d’aquila, felice attribuzionista, “passavano ora al telefono ogni mattina” (Laureati), ne scrive l’epicedio – del “conoscitore” non di Zeri, credendo poco nel “giudizio dei critici e, parallelamente, dei tecnici (cioè gli analisti scientifici)”. Un mondo opaco, anche sporco, quello delle attribuzioni, seminato di denaro, facendo brillante. Con Flaiano, e quindi di Flaiano in morte, analizzavano la vita di quartiere a Roma, così diversa nell’uno dall’altro – la differenza era, allora, tra via Giulia (Briganti) e il Tridente, via dei Greci, Babuino, piazza del popolo.
Tre ricordi sono dedicati a André Chastel, di cui Briganti era il riferimento in Italia. Una mezza dozzina i ritratti di artisti, Morandi amatissimo, da lui come da Longhi, Melotti, Chagall, Guttuso, Bacon. Una sorta di talismano della felicità, che viene dalla tranquillità d’animo.   
Giuliano Briganti, Affinità, Archinto, pp. 288, ill. € 17

Nessun commento: