Cerca nel blog

venerdì 17 aprile 2020

Candido tra gli animali

Lo sciopero dei galli apre la raccolta. Contro le kapures, l’espiazione dei peccati col sacrificio di un gallo per l’uomo e di una gallina per la donna, alla vigilia dello Yom Kippur, la festa ebraica dell’espiazione. Segue la vita di una copia di giovani, protetti e bene ingrassati, per la Pasqua: sono tacchini.
Nei villaggi ebraici tra Ucraina e Russia, tra un pogrom e laltro, la vita condannata degli animali domestici, polli, tacchini, cani, pesci. Storie paradossali, spiritose, comunque vivaci. Così almeno in traduzione, che vede impegnati ben due traduttori, Franco Brezza e Haim Burstin, insieme con la curatrice Anna Linda Callow – Sholem Rabinovitch, in arte Aleykhem, 1859-916, ebreo ucraino emihrato a New York, scrive in ebraico. Storie umoristiche, e penose. Di animali maltrattati, oppure trattati bene ma allora per la macellazione.
“Un verme che viva nel rafano pensa che non ci sia nulla di più dolce”, è la riflessione di filosofia della storia, degli uomini e degli animali, del cane “Candido” Rabtshik che non si capacita delle sue disgrazie, ogni volta, contro le migliori attese. Vite da cani, o da galline. Vite indifese, e quindi troncate, a piacimento. Contro il precetto biblico, il narratore insiste a ogni piega, che impone “pietà per gli esseri viventi”.
Sholem Aleykhem, pseudonimo – “la pace sia con te” – per Rabinovitch, è il narratore della vita nei villaggi ebraici orientali prima di Josef  Roth: una vita povera, e anche perseguitata, ma non infelice. Scrittore in russo e ebraico, prima di passare allo yiddisch, di cui diventerà per quarant’anni il campione, tra Kiev e Odessa, gli ultimi anni tra America e Svizzera, fino alla morte nel 1915. Cominciò a quindici anni, raccogliendo gli epiteti usati dalla matrigna.
Sholem Aleykhem, Storie di uomini e animali, Adelphi, pp.115 € 9

Nessun commento: