Cerca nel blog

giovedì 14 gennaio 2021

Cimbri fa paura a Bpm

Bpm ci ripensa? Milano ha riserve sull’accordo in fieri con Bper – di più dopo l’ipotesi di accorpare anche il Monte dei Paschi. Riserve sulla governance. Non sul metodo di votazione ma su chi comanda.
Benché alla pari, la fusione è ora temuta a Milano per l’esplosione di intraprendenza, giudicata eccessiva, da padrone, di Carlo Cimbri. Il manager di Unipol, quello dell’ “abbiamo una banca” (Pci), si presenta, con insistente promozione,  come il padrone di Bper, e fa campagna per un suo ruolo accresciuto, personale e di Unipol. Il titolo Unipol tenendo in quota nel mercato con accorte politiche di buy-back, benché in teoria ora proibite, e di “aspettative” – con gli azionisti si è pubblicamente impegnato per un ritorno sull’investimento di “almeno il 14,5 per cento”, per almeno un biennio.
Le anime politiche, di diverso colore, rimangono ancora vive nelle vecchie popolari. L’equilibrio già difficile fra attivi nella fusione, si colora ora nel vecchio Bpm “bianco” di sospetto per l’attivismo di Cimbri. Il timore è che la fusione alla pari scada in subordinazione.

Nessun commento: