Cerca nel blog

sabato 27 luglio 2019

La violenza fredda del Gruppo 63


Ritorna raddoppiata (ritorna postuma, curata da Andrea Cortellessa) rispetto a quella originaria, Einaudi 1976, venti sezioni invece di dieci, ma non meno confusa – la prima “Viol3enza illustrate” dava solo l’impressione di essere stata montata male alla rilegatura. Alle violenze di allora, sgomberi, scontri, scioperi, manifestazioni, rapine in banca, rapine brechtiane dei fondatori di banca, si aggiungono quelle contemporanee: profughi abbandonati in mezzo al mare, ostaggi, sgomberi di migranti o rom, scontri al G 8, gas chimici in Siria, attentati in India, lo strazio di Gheddafi morto. Che però non vanno oltre la cronaca.
Il progetto era di una scrittura grafica: che parlava per immagini, sia pure di parole. Con le tecniche allora in uso, negli anni 1960, del cut-up e del collage. Un linguaggio innovativo. L’unica sperimentazione, probabilmente, del Gruppo 63, l’ultima avanguardia italiana, di cui Balestrini era stato animatore. Che però non produsse testi, non sperimentali – Eco si esercitò con diletto addirittura nel feuilleton, Arbasino s’incollò al jet-set intellettuale.
Nanni Balestrini, La nuova violenza illustrata, Bollati Boringhieri, pp. 280 € 18

Nessun commento: