Cerca nel blog

sabato 11 luglio 2020

A Sud del Sud - il Sud visto da sotto (430)

Giuseppe Leuzzi

Tra i cimeli di Joe Bonanno nella biografia del figlio Bill scritta da Gay Talese, “Onora tuo padre”, c’è, ancora nell’edizione tascabile degli anni 1990, la foto del capomafia con Bernardo Mattarella, il padre del presidente. Con questa didascalia: “Potente ministro del governo italiano, nativo di Castellammare del Golfo e amico d’infanzia di Joe”. Bernardo Mattarella si era querelato contro gli autori dell’autobografia di Joe Bonanno, successiva di un decennio a questa del figlio Bill, pubblicata nel 1971.

Nella mattutina retata di mafiosi per i tg e i giornali radio, il 25 giugno finisce in carcere Giorgio De Stefano.Che di suo fa Giorgio Condello Sibio, come figlio della madre, ma da grande si sarebbe unito ai fratelli di sangue paterno, figli di Paolino, un boss di Reggio ucciso nel 1985 in una guerra di mafia. Giorgio vive nello show-business. Ha a Milano un ristorante per calciatori e vip. È compagno di Silvia Provvedi, cantante, influencer e ex di Fabrizio Corona. Noto come Malefix. Per aver fatto gli auguri alla fidanzata un paio d’anni fa con la scritta “Buon compleanno Principessa. Malefix”, portata da un aereo sopra Cinecittà. Ma questa non è in Italia la normalità?

Il mondo è narrazione
Si vedono inglesi accalcati gli uni sugli altri nelle pallide spiagge, e a Liverpool per lo scudetto.
Nel paese cioè che ha il record di morti in Europa per il virus. Gli italiani sono diventati disciplinati mentre gli inglesi costumati delle file si scatenano a contagiarsi reciprocamente? È così, ma non cambia nulla: conta la narrazione, e quella degli inglesi è epica. Si amano. Anche nella morte, si potrà ora dire.
 
Similmente la Toscana, che ha la narrazione forse più positiva: regione di grande bellezza, oltre che di tesori culturali, e per questo virtualmente bene amministrata, nella sanità, nella viabilità, nell’igiene, nella protezione paesaggistica e ambientale. Cose tutte non vere e non vere per chi la frequenta: Firenze è una panineria, genere squallido, e rumorosa, anche sporca, per una movida che più becera non si imagina – ed è il solo atto di vivenza della città. Ma la fama, il “discorso su”, la narrazione sono coriacei, indistruttibili.
 
L’economia sommersa, tutta produttività e niente tasse, De Rita spiega a Concetto Vecchio sul “Venerdì di Repubblica” di averla “scoperta” a Prato, nel 1969: “Tutti avevano un secondo lavoro, se non un terzo… C’era un’evasione fiscale spaventosa”. Ma era già nel “Calzolaio di Vigevano” di Mastronardi un decennio buono prima. “Molti avevano un telaio nel sottoscala”, spiega De Rita. Anche gli “scarpari” di Vigevano. Il lavoro in nero e l’economia sommersa non erano – non sono – del Sud, ma le etichette vi si sono appiccicate e questo è tutta la storia.

I banditi (di passo) dell’autostrada
Tra i 130 commissari alle 130 opere pubbliche urgenti previsti dal decreto “Semplificazioni” del governo per reagire alla crisi economica indotta dal coronavirus ce n’è anche uno per la “Tirrenica”. Tirrenica è l’autostrada Civitavecchia-Livorno, che attende da sessant’anni. Questo del governo Conte non è il primo commissario straordinario all’opera, altri due o tre sono stati nomionati. Uno si chiamava Antonio Bargone. Un altro Giorgio Fiorenza. Uno specialissimo commissario all’opera si dichiarò un ministro dei governi Berlusconi, prima all’Ambiente poi ai Trasporti, di Orbetello, il ragionier Altero Matteoli , ex Msi, ex An, poi Popolo delle Libertà e Forza Italia. Che però è morto quattro anni fa proprio in un incidente stradale sull’Aurelia, e proprio vicino Capalbio, la capitale del no alla Tirrenica.

Si dice che l’autostrada non si fa perché i ricchi possidenti di Capalbio si oppongono. In realtà si oppone la Maremma, i Comuni della Maremma: nessuno può fare nulla perché i Comuni si oppongono. Non si oppongono, il Pd, il partito al governo, non lo consente. Cavillano: i governi intanto cadono, le legislature chiudono, i fondi allocati vanno perduti, e la solfa ricomincia di nuova.
I sindaci si oppongono in teoria per motivi ambientali: l’autostrada inquina eccetera. Ma l’inquinamento c’è uguale, anzi peggiore, sull’Aurelia serpeggiante, un  po’ a doppia corsia un po’ no. Si oppongono perché utilizzano l’Aurelia come cassa. Grazie alle multe per eccesso di velocità, da eredi dei vecchi banditi di passo, ora per il buongoverno.
Nei sessant’anni due brevi tratti si sono fatti, per una ventina di km., fuori Maremma: nel livornese, da Livorno a Rosignao, e nel viterbese, da Civitavecchia a Tarquinia. Sul tratto di Aurelia da Tarquinia a Grosseto Sud, un’ottantina di km., sono stati contati oltre 700 segnali stradali, di cui 150 circa di variazione della velocità massima consentita.  

Napoli
Scrive un lettore al giornale che periodicamente ritorna a Napoli, e non ci vede nulla di quanto scrivono i giornali.Vede una città operosa, e all’interno molte grazie. Vecchie strade, vecchi palazzi, vecchi monumenti, e nuove costruzioni, ingegnose, ardite, colorate, rifacimenti, ristrutturazioni, ammodernamenti. Perfino pulizia, che in Italia è rara. Con gente dappertutto garbata nel tratto, colloquiale, coinvolta e coinvolgente. Non disperata, disadattata. Un paradiso, senza diavoli?
 
Al tempo di Bach, aveva quattro conservatori di musica.
 
Era capitale della musica ancora per Stendhal, primo Ottocento. Che il teatro San Carlo dice “un colpo di Stato”, per aver legato il popolo al re.
 
“Non a caso da qui sono partiti i maestri di Plauto, non a caso l’opera buffa è nata qui”, Riccardo Pazzaglia, “Partenopeo in esilio”, 90.
 
Era famosa nel Cinquecento per il gran numero di cavalli delle sue scuderie. Fino ad Agnano, che ha saputo chiudere, con tutta la lotteria.
 
La vera “radice ebraica mediterranea” Ernst Bernhard nella “Mitobiografia” dice la città. Dove la gente mangia cipolla e parla con le mani, come gli ebrei, un tempo.
Ognuno ci trova, si direbbe, quello che ci cerca: uan città metanorfica, meglio caleidoscopica.
 
Senza citarlo, probabilmente senza conoscerlo, Riccardo Pazzaglia volgarizza il pensiero di Alfred-Sohn Rethel su Napoli, nel saggio “L’ideale dello sfascio” - Das Ideal des Kaputten. Über neapolitanische Technik”: “Nacqui in una città, in un rione, in un fabbricato e in una casa dove attorno a me non c’era niente che fosse nuovo, tutto era già antico, vecchio e rotto. Ma anche riaggiustato con molta abilità e fantasia”.
Pazzaglia ci aggiunge di suo l’autoconvinzione: “Anzi, per tutti gli anni dell’infanzia, fui convinto che tutto il resto del mondo fosse sosì: aggiustato, rattoppato, rammendato, tenuto insieme con filo di ferro, spago, chiodi arrugginiti”.
 
Una scena sohnretheliana di Napoli è in Goethe, che nella città inghirlandata di salsicce per il carnevale, vede una ventina di ragazzi seduti in cerchio, sopra le gambe piegate, con le mani aperte stese a terra, immobili e in silenzio. Non disperdevano il calore: erano seduti sul cerchione di una grande ruota, che il fabbro aveva appena saldato.
 
“Una volta, a Napoli, il tassista, che passava clamorosamente col rosso, ricevette una strombazzata da un’auto”, ricorda Maurizio Ferraris su “la Repubblica” (“Adorno vide Napoli e non morì”), “che passava regolarmente con il verde. Il tassista commentò: se ne approfitta perché ha ragione”. Ferraris si spiega così che “Napoli abbia sempre esercitato una così forte attrazione sui filosofi”. Soprattutto su quelli “venuti da Nord”, come lui stesso.
 
Lo stesso Ferraris si ritrova a girare per Napoli “infastidito come un leghista di una volta” ma pure “sottomesso a una realtà più profodna infinitamente più antiche” della sua. “Nelle insensate processioni della Madonna dell’Arco” rivede “le usanze delle fratrie greche che nessun cristianesimo è riuscito ad addomesticare. Nelle donne grassissime e panterate che girano in moto come se le ruote facessero parte del loro corpo riappare il Pantheon pittoresco” – il Pantheon, ricorda, “era bianco e composto solo per i gentiluomini della Virginia del diciottesimo secolo”.   

leuzzi@antiit.eu

Nessun commento: