Cerca nel blog

mercoledì 20 gennaio 2021

Agnelli al capolinea

O via Nedved e Paratici o via tutti, il presidente Agnelli compreso - dire Nedved è dire Agnelli? La gestione della Juventus è troppo onerosa e poco promozionale, dal punto di vista della proprietà (la Exor, della famiglia Agnelli allargata) per continuare con questo assetto. La sfida di stasera col Napoli non cambia il dato di fatto: la situazione in casa bianconera è insostenibile. Per la gestione sportiva e per quella economica.
I debiti vanno per i 400 milioni, malgrado l’ingente aumento di capitale, 300 milioni, pagato da Exor, la “famiglia Agnelli”, un anno fa. Il bilancio è fortemente peggiorato, per il virus ma anche per i risultati sul campo: chiuderà in rosso per oltre i 100 milioni. Il monte ingaggi è sempre altissimo, a 236 milioni – Inter paga 149 milioni, Milan 90. Una limatura è stata fatta ma apparente: l’ingaggio di Pirlo, allenatore al debutto, per soli 1,5 milioni, va sommato a quello di Sarri, l’allenatore allontanato, per 12 milioni; la messa fuori rosa e fuori contratto di Khedira, Mandzukic e qualche altro calciatore non compensa l’ingaggio di Chiesa.
Su tutto naturalmente pesa la perdita di smalto e di valore della squadra sul campo. La direzione sportiva è sotto accusa, perché dopo la cacciata di Marotta niente più ha funzionato: tre cambi di allenatore, poca qualità, acquisti non in funzione delle esigenze della squadra.

Nessun commento: