Cerca nel blog

domenica 3 gennaio 2021

Cronache dell’altro mondo (85)

Si presenta – i media democratici, cioè tutti i media, la comunità afroamericana, e la stessa interessata per comodità presentano – Kamala Harris, la vice del presidente eletto Biden (e presidente in petto, per le condizioni non brillanti di Biden), come “donna nera”.  Che per un’indiana, quale la vice-presidente è e si ritiene (di mezzo nero ha solo il padre, un giamaicano, che non conta), è un’ingiuria.
Un bitcoin vale 32 mila dollari. Che cos’è un bitcoin? Niente. E raddoppiera “di valore”, comunque arriverà a 50 mila dollari. Dirige l’ascesa Su Zhu, Cio e Ceo (presidente-direttore della tecnologia e degli affari dell’hedge fund Three Arrows Capital, one man's band). Un cinese – di Singapore (ma non si sa chi è chi).
“Forbes” e Bloomberg non riescono più a tener e dietro ai più ricchi del mondo, che periodicamente censiscono. Che però continuano a essere prevalentemente americani, benché il fulcro del business sia ormai cinese. Perché prosperano a Wall Street: i 500 più ricchi, a questo inizio 2021, hanno accresciuto il patrimonio in un anno vuoto – vuoto d attività – di 1.800 miliardi di dollari. Jeff Bezos di Amazon e Elon Musk di Tesla hanno “guadagnato” in due 217 miliardi. Ma non piangono Bill Gates, Zuckerberg, Larry page e Sergey Brin, Warren Buffett, Bernard Arnault, re del lusso, Steve Ballmer (Microsoft) eLarry Ellison (Oracle).  
Le loro quotazioni erano enormi a fine ottobre, all’inizio della seconda ondata della pandemia: un’azione Amazon quotava 3.286 dollari, Google 1.600, Netflix 490, Apple 116, Facebook 283, Tesla 425. Ora, se Amazon e Facebook sono rimaste più o meno agli stessi livelli, Google è a 1.750, Netflix a 541, Apple a 133, Tesla a 706. Senza alcun senso economico.

Nessun commento: