Cerca nel blog

domenica 4 luglio 2021

Il Pcc è vecchio

Minaccioso, il presidente Xi si è preso per il centenario del Parito comunista cinese Taiwan. Hong Kong nemmeno citandola, considerata cioè parte della Cina, anche se continua a protestare. E niente, una notizia come le altre: si direbbe che la Cina, se non è un qualche exploit economico dei suoi tycoon, per i media italiani non esiste.
Xi si è voluto ripetutamemte minaccioso. Fino al mussoliniano “un miliardo e quattrocento milioni di cinesi”. E niente. Il “Corriere della sera” ha fatto la storia dei cent’anni del Pcc, come se interessasse a qualcuno. “La Repubblica” si è affidata a un commento  di Rampini, intelligente ma senza rilievo grafico – come a dire: lo mettiamo perché è stato in Cina a lungo, è prevenuto , ma si vuole uno scrittore e bisogna tollerarlo.
Oggi il “Corriere della sera” non può più fingere, anche perché “La Lettura” ha commissionato al vaticanista Franco un lungo pezzo sui rapporti tra il Vaticano e Taiwan, e l’ambasciatore romano ha dedicato a Xi la sua rubrica domenicale. Dove dice cose importanti, di un partito Comunista che non ha più carica vitale, è solo una congrega di vecchi burocrati, forte della polizia e dell’esercito ma senza anima, e più dopo essere stata purgata dal dittatore Xi.
Cioè, sembrerebbero cose importanti. Ma contenute in un piccolo box. Come a a dire: l’ambasciatore ha un ottimo passato - in effetti fa 92 anni – e va tollerato.

Nessun commento: