Cerca nel blog

lunedì 12 febbraio 2024

Le città di 007, un po’ barbose

Sporcizia e disorganizzazione in Italia,a Napoli e dintorni – e un eccesso di rumorosità, “oscuramente collegato”, con la gesticolazione, “alla virilità”. E questo si può capire: la virilità ossessionava, allora, gli inglesi. Se non che il custode del lupanare di Pompei è inflessibile: la moglie di Fleming non può entrare, e anche questo irrita l’illustre visitatore. Punti d’nteresse i ristoranti gestiti da un paio di gentildonne britanniche. Lucky Luciano, convocato all’Excelsior, è ininteressato e mutangolo.
Un diario di viaggio poco utile, e poco interessante. Quattordici ritratti rapidi di città, per brevi aneddoti, di cose viste – e britannici vecchio stile (con la puzza al naso), benché scritti nel 1959-1960. Un’operazione, pare, controvoglia, solo per una sorta di sdebitamento verso il  vecchio settimanale di Fleming giornalista prima di James Bond, il “Sunday Times”. Nel 1959, su insistenza del giornale, Fleming si sobbarcò a visitare otto città: Hong Kong, Macao, Tokyo, Honolulu, Los Angeles, Las Vegas, Chicago e New York. Tre gironi l’una, compresi l’arrivo e la partenza, poche ore disponibili per vedere qualcuno o qualcosa, ovunque contovoglia. L’anno successivo replica, in automobile, in mezza Europa: Amburgo, Berlino, Vienna, Ginevra, Napoli e Montecarlo.
L’edizione riprende quella proposta nel 2006 dall’infaticabile Andrea Carlo Cappi. Con una breve presentazione di Massimo Bocchiola – “Fleming era un viaggiatore ironico, distaccato, a momenti arrogante, a momenti anche pigro”, e con un occhio “di mirabile, fotografica esattezza”, ma “con un occhio un po’ cinico, un po’ spietato, un po’ sciovinista". 
Ian Fleming, Thrilling Cities, La Nave di Teseo, pp. 288 € 20

Nessun commento: