Cerca nel blog

mercoledì 30 gennaio 2019

L'Italia giovane già vecchia


Riproposto da Aldo Maria Morace, nella collezione tascabile dell’opera omnia di Pirandello, nella versione del 1913. Quella ultima, quella che vivente l’autore e da lui licenziata si ritiene normalmente la definitiva, è del 1931. Morace ha optato per quella intermedia come per la più significativa, per l’impianto e le intenzioni dell’autore stesso, nel 1931 essendo la temperie politica non più quella postrisorgimentale fine secolo - “I vecchi e i giovani” è un romanzo politico.
Il romanzo fu scritto nel 1909,  pubblicato in quell’anno a puntate su “Rassegna contemporanea”. Lo stesso testo – questo - uscì in volume mel 1913. È il racconto della delusione del Risorgimento, visto “da sinistra”. Nella Sicilia del Fasci socialisti specialmente sentita. Ma che non salva nessuno: corruzione, concussione, scandali bancari, complotti, in mezzo a scioperi e proteste. I giovani come i vecchi, si sarebbe tentati di dire. Un forte romanzo politico. Genere che in Italia non piace, malgrado Manzoni, ma in Sicilia ha avuto diversi cultori, da De Roberto e Capuana, e in quanche misura anche Verga, fino a Tomasi di Lampedusa e, naturalmente, Sciascia.
Morace ne traccia nell’ampia introduzione l’insorgenza. Il primo abbozzo risale al 1893-96, al racconto “Il vecchio”. Quando Pirandello è tentato dal romanzo, su suggerimento di Capuana. Il tema politico, inusuale per Pirandello, tanto più a quell’età, ancora giovane, insorge secondo Morace dal successo immediate e largo di De Roberto, “I Viceré”, uscito nel 1894. Ma il giovane Pirandello, bisogna dire, non è dissimile dal Pirandello maturo, di due decenni dopo, e di quattro decenni dopo: l’impianto resta stabile. La delusione è sempre acerba sulla politica postrisorgimentale.
Senza polemiche unitarie, pro o contro, l’Italia è come se fosse sempre esistita. Il leghismo di cui Pirandello tiene conto, nel background, è quello socialista, dei Fasci siciliani, dei profittatori e dei perdenti.   
Luigi Pirandello, I vecchi e i giovani, Oscar, pp. LX+464 € 12

Nessun commento: