Cerca nel blog

giovedì 16 giugno 2022

Le streghe in Calabria

Lo sfrenato Filosa, il “mangaka” italiano vincitore di tutti i premi internazionali per racconti graphic, milanese di adozione, esce dalla pausa covid più armato (aggressivo) di prima. In tavole colorate pop e supersfrenate, ma insieme dettagliste, quasi miniaturizzate. Riprendendo dopo la pandemia la saga calabrese – i “pruppi” di questo secondo volume sono i polipi, come i “lupi minari” del primo volume (2019 sono i lupi mannari - in forme nipponiche, di miti e di streghe. Di streghe più che di demoni.
Il ragazzo Cosma, con la madre intrepida, corre e sbaraglia demoni e diavole. Con molto bianco e nero là dove sono in ballo “calamità femminili”. Anche in forma di “zinnuse”, tutte tette, “magare” per lo più. Una caccia illustrata più che scritta, cui Filosa dà graficamente le forme della corsa e del tumultuoso (e il ruolo di Zurlo – è lo Zurlo di “Artisti si nasce”? Intervallate – raramente – da quadretti in riposo, quasi idillici, più dell’odiosamata Crotone natia.
Una “corsa” divertente – oltre che di grande capacità grafica. E di divertente scorrettezza, da istrione che l’abilità libera, e anzi consacra. Non da ultimo, di professare il manga “calabrese”. Imponendo cioè, per la maestria, per l’autorevolezza, una realtà marginale come luogo d’avventura, con tanto di riferimento specifico, Rose, Cirò Marina, Punta Alice, Crotone appunto (irriconoscente del suo figlio geniale?, l’imperdibile S.S.106, l’imperdibile Aspromonte, luogo di tutti i fantasmi.
Nicola Zurlo-Vincenzo Filosa, Cosma&Mito 2 - L’assedio dei pruppi,
Coconino Press Fandango, pp. 136 ill. € 18
 
x

Nessun commento: