Cerca nel blog

giovedì 20 luglio 2017

L'eroe senza verità

Curiosa celebrazione del giudice Borsellino, a parte i toni. Borsellino era di destra, la cosa non si dice, e poi si esuma dai tg dell’epoca la manifestazione missina ai suoi funerali, violenta contro Scalfaro e il capo della Polizia Parisi, col saluto romano in massa. Non si fa menzione del governo dell’epoca, Andreotti, il referente romano di Lima. Cancellato anche Martelli, pure ben vivente, il ministro della Giustizia di Falcone, quello che ha ppoi sostenuto Borsellino. A Roma cosa Borsellino trova di preoccupante, nei corridoi del ministro dell’Interno, mentre attende di essere ricebuto da Scalfaro? L’ex capo della Polizia a Palermo, vice-capo della Polizia a Roma, Contrada. Lo guarda come se Contrada lo avesse trapassato. Perché – didascalia – Contrada era stato già accusato a Borsellino dal fresco pentito Gaspare Mutolo. Dopo quattro processi inutili, a seguito di inchieste penali falsate dai pentiti, prima Sorrentino o Scarantino, un pezzo da niente, e poi Spatuzza, un altro pezzo da niente che si nobilta con la teologia, nlomn se ne dice niente. Sentire i giudici palermitani che accusano “pezzi dello Stato” per l’eccidio, compreso Vittorio Teresi, che è stato capo o vice capo della Procura di palermo, è agghiacciante e assurdo.  Non si intervista la giudice Boccassini, che delle manchevolezze dell’indagine sulla morte di Borsellino fu subito testimone.
Un omaggio che è un articolo di gionale, vecchio. Forse perché oggetto e sceneggiatura si sono voluti di Sadrone Dazieri, che è di Cremona – più a suo agio coi liutai?

Francesco Micciché, Adesso tocca a me

Nessun commento: