Cerca nel blog

domenica 19 luglio 2020

Ombre - 522

L’Olanda non ha mai posto problemi all’Unione Europea, e anzi ha avuto personalità di peso in campo europeo, socialisti e democristiani, ultimi Timmermans e Balkenende. Rutte, liberale, che si esalta come “il leader europeo più longevo dopo Angela Merkel”, è a capo di un governo di coalizione, di cui il suo partito non è il maggiore – lui è solo gradito all’estrema destra, necessaria al governo. Ma non esiste una Olanda fuori o contro la Ue la destra estrema è forte solo a parole, sui benevoli social.
 
 “La rinazionalizzazione di Autostrade, la prescrizione abolita, il reddito di cittadinanza, navigatori inclusi, il Mes e il no vax, la scuola e Roma: ma cosa abbiamo fato per meritarci questo flagello?”. Il “Corriere della sera confina in queste sei righe, tra le lettere al giornale, questa precisa analisi dei governi Conte-grillini, di Franco Debenedetti.
 
Com’eravamo malinconico di Veltroni con Occhetto, il segretario del Pci che liquidò il partito. Occhetto si commuove: “Avevamo aperto da tempo un’analisi critica delle nobili corresponsabilità di Togliatti nel momento staliniano”. Momento staliniano? Corresponsabilità nobili ? Un’analisi critica nel 1992? Cosa si legge nel “Corriere della sera” nel 2020.
 
Occhetto dice anche una cosa semplice: la sinistra italiana fu imbalsamata dal Pci quando nel 1956 scelse Mosca invece dell’autonomia. Una cosa evidente, di cui però non c’è traccia nelle storie della Repubblica, di Ginzberg et al, tutti per caso ex Pci. È così difficile da capire?
 
Va il Pd al governo e gli arrivi di immigrati irregolari triplicano, da tremila a diecimila.  Si dice per solidarietà ma è solo un favore alle mafie dell’immigrazione – lo sanno perfino i muri: l’immigrazione allo sbando è all’80-90 per cento business mafioso, tra esazioni, ricatti, maltrattamenti, sfruttamento.
 
Il Tribunale di Monaco sanziona Elon Musk per pubblicità ingannevole: il messaggio “pilota automatico” legato agli Adas di bordo delle proprie auto, in particolare della Model 3, è “ingannevole”. Cioè, ci sono tedeschi ricchi - qualche migliaio, la Model 3, benché utilitaria della casa, costa sui 50 mila euro - che si bevono la pubblicità? Oppure: l’ecobusiness ha tale attrattiva che si crede a tutto.
 
Fuori i Benetton, certo, che una qualche responsabilità hanno nei disastri di Autostrade, più di una, ma ne escono con una plusvalenza. Si ri-nazionalizza la società al costo di 8-10 miliardi. Un’assurdità. Che però non si rileva.
 
Niente aumento, anzi riduzione dei pedaggi autostradali, promette il governo nazionalizzando Autostrade. E nessuno lo censura: com’è possibile?
 
Nel furbo cafarnao di Grillo ora è la volta del “niente dividendi”. Che è una sciocchezza ma i media la propongono seriamente.
Grillo, che è ricco, ha messo i soldi in obbligazioni?
 
La Corte di Giustizia Europea annulla le tasse a Apple in Irlanda e a Starbucks in Olanda, e impone al Lussemburgo di farle pagare a Fca. La giustizia è naturalmente uguale per tutti, in Europa: Apple non ha concorrenti, Starbuscks ce li ha, in Italia, e Fca ce li ha in Europa. L’Italia non fa parte dell’Europa?
 
Facile prevedere che quando Fca-Peugeot si domicilierà in Olanda, anche l’Olanda sarà sanzionata come il Lussembrugo.
Per quanto, la Francia ha anch’essa i suoi santi a Bruxelles.
 
Marina Terragni evoca sulla “Nazione” la “Santa Inqueerizione”, geniale solecismo: una galleria di segapalle inimmaginabile, specialmente cattiva con le donne – con le donne sembra impossibile, ma queer è neutro,  gli consente tutto. Ce n’è una, canadese (ma si può dire “canadese”?), che non nomineremo per dispetto, regina dei followers, che ha fatto chiudere bottega a molte estetiste, “quasi tutte immigrate latinoamericane”, che non avevano depilato il suo “scroto femminile”.
Sembra ridicolo e lo è, ma è la contemporaneità.
 
J.K.Rowling, l’inventrice di Harry Potter, è sotto attacco per essersi confermata donna invece che “persona che mestrua”. Su twitter e facebook. I social sono veicoli pubblicitari che si basano sulla stupidità – la digitalizzazione della civiltà “tabloid”, del pettegolezzo.
 
Franco Cardini argomenta che santa Sophia moschea ha la storia dalla sua parte. Mentre il contrario è vero, nei suoi diciassette secoli di vita. Essendo nata nel 330 come “Megale Ekklesia”, grande chiesa, o “Mater ecclesiarum”, argomento lo stesso storico. Ma la parola d’ordine in certi ambienti, anche negli studi medievistici, è di dare ragione all’islam.
 
Triste il papa per l’islamizzazione di Santa Sofia. Lui che non ha fatto che patrocinare tutti i leader islamici possibili, a cominciare da Erdogan. Non sa che l’amicizia con l’islam esige una buona dose di forza. Il papa è più buono o dabbenuomo?
 
Non ha avuto altra diplomazia il papa Francesco che il filo-islamismo. Visite e omaggi a capi-tribù e rais, che poco peraltro lo considerano.
Ma, poi, che altra immagine del papa si sarebbero potuti fare? Di un prete che si pensa chissachì. L’islam ha la tendenza a considerare gli altri un po’ scemi: non si dialoga con l’islam professandosi deboli.
 
Grillo insolentisce Roma per far vincere Raggi alle comunali l’anno prossimo. La quale vincerà. Non così facile come la volta scorsa, quando Berlusconi impedito spacchettò il suo voto su tre candidati in maniera da impedire la sicura vittoria di uno del suo schieramento – non potendosi candidare, non voleva ombre, e liquidava i “delfini” uno dopo l’altro, dopo averli “bruciati” con nomine inconsulte. Ma Raggi andrà al ballottaggio, e questa volta vincerà al secondo turno con i voti del partito Democratico. Una che ha fatto solo danni a Roma.
 
Su dividono con cura gli immigrati irregolari. Diecimila nei primi sei mesi dalla Turchia in Grecia, 8.500 dal Marocco alla Spagna, e 8.000 dalla Libia e la Turchia all’Italia. Un business molto ben regolato.


Nessun commento: