Cerca nel blog

domenica 16 gennaio 2022

La ribellione del proscritto

Il conservatore come ribelle, irriducibile? Rivoluzionario già lo sapevamo - la destra conservatrice, Thomas Mann compreso, ha dominato la Germania rivoluzionaria del primo dopoguerra. Ma ribelle? Jünger lo dice qui, nel 1951 - poi lo dirà anche Hobsbawn, ipocritamente, non volendo sfuggire alle “leggi ferree” di Marx - che quella del latitante è la condizione per eccellenza dell’uomo. Nell’antica Islanda il proscritto vichingo si rifugiava nei boschi - e sarà, scendendo per i meridiani, Robin Hood, folletto e partigiano. Si fa proscritto per libera scelta, un franco tiratore.
Questo proscritto-Robin Hood è il Waldgänger, l’uomo dei boschi. Che è anche, in una parte del mondo teutonico, il proscritto che della sua disgrazia fa una liberazione, il partigiano. Partigiano dunque, più che ribelle. Ma il titolo originario è “Der Waldgang”, come a dire una passeggiata nel bosco. Una serie di riflessioni, anche concatenate, ma non deduttive, o induttive, non una riflessione organica. A volte l’una si innesta nell’altra, ma senza un disegno. Non un “trattato”. E nemmeno, nell’insieme, un “ribelle”: la libertà dell’anarca, qualcosa di simile all’anarchico, ma conservatore, individualista. Sdegnosamente: il collegamento, non esplicito ma evidente, è a Thoreau, “Walden, l’uomo dei boschi”, America metà Ottocento, le divagazioni di un solitario, vagabondo, responsabile anche se, certo, non suddito, meno che mai della pratica quotidiana.
Cosa resta? Gli umori di Jünger, come sempre sorprendenti. Anzi qui più che altrove, in una scorribanda a ruota libera. La sorpresa è in ogni pagina. Non necessariamente l’una coerente con l’altra, come sempre in Jünger.
“Viviamo in un tempo in cui ci interpellano senza posa poteri inquisitoriali”. Sarà stato dunque il marchio del Novecento, se Jünger ha potuto rimarcarlo, pianamente, nel 1951, finite le dittature fasciste? Ma, certo, erano ben vive, anche nel cuore della stessa Germania, quelle comuniste.
Anche il silenzio ci condanna, ci condannava, senza scampo: “Tutto diventa risposta in questa congiuntura, e per conseguenza assunzione di responsabilità” – “a che serve scegliere in situazioni in cui non si ha più scelta?” Come il sodale Heidegger, con il quale condivideva il semi-isolamento della denazificazione nel dopoguerra, scambiandosi pareri infausti (“Oltre la Linea”, con Heidegger, precede di qualche mese questo “Trattato”, “Il nodo di Gordio” lo seguirà due anni dopo), Jünger si sente già vittima, anche lui, di un “pensiero unico”, come sarà poi chiamato – ora, nel Millennio. È in questo senso che il suo “Trattato”, che non è un trattato, si legge.
Molto personale nei giudizi, come sempre, da apprendista scrittore, apprendista pensatore, apprendista entomologia – uno stendhaliano Grande Dilettante. La grande letteratura dice liberatoria. E poi la trova nei diari di Peter Moen, un norvegese marcito nelle prigioni di Hitler, “discendente spirituale di Kierkegaard”. O nelle lettere del conte Moltke… E: “Il ribelle ha per divisa: hic et nunc, perché è l’uomo dei colpi di mano, libero e indipendente”. Ma anche: il Ribelle è l’individuo concreto, che agisce nel caso concreto. Imprevedibile, visibile ma imprendibile. Se non che il cap. XXIX sembra il manuale di Gladio, l’organizzazione paramilitare segreta anticomunista in Italia nel dopoguerra. O, in altra temperie, “bisogna essere liberi per diventarlo, perché la libertà è esistenza”.
Oppure: l’obiettivo è “fuggire i deserti dei sistemi tradizionalisti e managerialisti”, benché sempre “prigionieri della loro dialettica”. Come? “È qui che si delinea la possibilità di un nuovo monarchismo”…
Si legge Jünger perché è scrittore: sorprendente, stimolante. Qui è difficile, ma regge anche la proposta editoriale falsata – derivata probabilmente dalla traduzione francese di un decennio prima, di Henri Plard.
Ernst Jünger,
Il trattato del ribelle, Adelphi, pp. 136 € 12

Nessun commento: