Cerca nel blog

martedì 20 settembre 2022

Alberi, il verde della vita

Il Leopardi iperpessimista di “Imitazione” (“Povera foglia frale…”). Il ficodindia celebrato da poeta tedesco, Rückert – il poeta dei bambini morti, dei “Kindertotenlieder” di Mahler: ne scrisse 428. Ma nel complesso una scelta festosa. Carducci (“L’albero a cui tendevi\ la pargoletta mano…”), molto Pascoli ovviamente – e molta Ada Negri. Con traduzioni anche ispirate: Hensel, Housman.  

Una scelta come una proposta? In chiave non tanto o non solo da ambientalismo marciante: di più come tema filosofico, sul tempo della vita. E per questo con l’esclusione del D’Annunzio del “Pineto”? Di Prévert, di Éluard, di Valéry, anzi dei francesi? Ma si sa, le antologie, e più queste minime, sono un invito, alla lettura.

Con un’ampia presenza femminile: Antonia Pozzi, la stessa Negri, Lowell (Amy, non Robert). Mentre Whitman, la quercia solitaria che lo scruta lo fa “pensare all’amore virile”.  

Con traduzioni dal tedesco e dall’inglese della curatrice – da Lorca di Mario Socrate, da Machado di Matteo Lefèvre.

Giuliana Mancuso (a cura di), Poesie sugli alberi, Garzanti, pp. 94 € 5

Nessun commento: