Cerca nel blog

giovedì 16 marzo 2017

Ricordo infelice di una non passione

Un’esistenza mediocre in forma di ossessione per le forme steatopigie. L’esistenza di un giovane ricco, con automobile fuoriserie, e incarico d’insegnamento al liceo.  Che insegue i fianchi opimi dell’allieva indifferentemente, “Spadoni”, e della collega sposata.
Con due note, di Silvia Perrella e di Guido Davico Bonino. Mazzaglia è autore su cui molti, da Caproni a Walter Pedullà prima di Davico Bonino, giurano. E questo “Ricordo” sarebbe il suo capolavoro. Ma l’aneddoto non è granché. E la prosa è desueta, forse volutamente - dopo Pizzuto l’innovazione linguistica è d’obbligo in Sicilia. Ma è maldestra.
Il racconto è tutto qui, la fissa per la donna robusta. Per nulla osceno, come Mazzaglia solitamente è presentato dopo questa prova. C’è astio nell’ossessione del suo narratore, contro se stesso e contro l’oggetto della passione – quando è in foia ha “la nausea”. E ritenzione: non succede mai nulla, giusto involontari sfioramenti. Non è nemmeno la storia pruriginosa del professore con l’allieva: tuti sono d’accordo, insegnanti, allieve e genitori, che l’amore se c’è si concluda presto, con un bel matrimonio.
È un esercizio linguistico? La lingua è circonvoluta. Con poche, alla fine, innovazioni. Anzi con una sola, effettivamente di grande novità e abilità: i dialoghi. Dei quali Mazzaglia ha sicura padronanza “realistica”.  Il resto è andante, con strane sciatterie. “Allibito” ricorre a ogni pagina, spesso non si capisce in che senso. “Acre” pure. Per baciare dice “appiopparle il suggello in bocca”. A un’allieva che chiama per cognome, a cui dà del lei, che ride di lui – che ride, come tutte le ragazze.
Giuseppe Mazzaglia, Ricordo di Anna Paola Spadoni, Isbn, remainders, pp. 223 € 7

Nessun commento: