Cerca nel blog

domenica 11 febbraio 2018

Mussolini re del trash

Mussolini è tornato, come già era tornato Hitler. Ma a differenza del Führer, un imbranato che dice sciocchezze, il Duce è in palla – non meno, perlomeno, di quando era al potere. In una notte passata nel retrobottega di un’edicola-libreria, dove è stato soccorso, si aggiorna, e non di scompone nella modernità, lui che se ne voleva all’avanguardia. Fa qualche smorfia ai baci tra uomini, e si chiede se non si è svegliato in Abissinia, trovandosi circondato da neri. Ma s’impadronisce senza fiatare della rete, e domina subito il congegno principale di questo popolo che ha lasciato analfabeta e ritrova analfabeta: l’ostensione. Tutti eroi alla Grande Fratello televisivo, della stupidità che fa il linguaggio e quindi ogni altra realtà.  
La vena pasoliniana di Miniero aiuta in molti momenti. Nel predicozzo: “La questione è come possiamo dirci italiani oggi”. E nella soluzione, l’inimmaginabile (fantasioso) reso realisticamente: Mussolini che sbanca il trash tv – “di comunicazione me ne intendo”. Eroico anche quando spara a un cagnetto.
L’uscita del film lo danneggia. Per il caso, che ha voluto un atto di vero fascismo commesso, a Macerata, quando il film andava nelle sale. E per una promozione sbagliata, che può averlo bruciato – puntata sull’effetto annuncio, con una uscita aggressiva (in 500 o 600 sale), in campagna elettorale.
Sbagliata anche la presentazione: il film è sovraccaricato nei trailer e nelle cartelle stampa di sensi politici politicanti, i dialoghi di Mussolini in giro per l’Italia presentando come roba da candid camera, realistici. Forse è inevitabile – “The Duce’s lynched, bare, booted skull still spoke”, nota a Roma nel 1950, per la proclamazione in piazza San Pietro dell’Assunzione della Madonna, il poeta americano Robert Lowell, cui il numero di “Poesia” in uscita lo stesso giorno del film è dedicato, “il cranio linciato, nudo, calpestato del Duce ancora parlava”. Ma questo danneggia la visione. Che è invece un fuoco d’artificio di spunti narrativi, dentro e fuori lo show business. Le situazioni sono scritte e recitate, si vede, benissimo: molto caratterizzate sono proprio le “inchieste” scappa-e-fuggi, da “linguaggio televisivo”, nella leghista Milano, da antologia, a Firenze e a Napoli.
Resterà un film di culto, da seconda e terza visione? Ha molte perle nascoste, e qualche detto memorabile.
Luca Miniero, Sono tornato

Nessun commento: