Cerca nel blog

lunedì 16 dicembre 2019

Il giallo in Arizona - o il falso falso

Non proprio tutto ma c’è molto. Molto corretto. Il turismo Navajo migliore del turismo non Navajo. La guerra stupida. I mutilati della guerra in Iraq - c’è anche Nassiriya. L’affarista del turismo non-Navajo avido e corrotto. Tutte le buone cause. E anche due romanzi in uno: uno secondario di tipo western, con fucilate e scotennamenti, sempre a fdanno dei Navajo – e qui entra in gico un Hopi, cattivo. Ma di tipo esotico.
Siamo infatti in Arizona. In un riserva indiana, fuori Flagstaff. Dove tutto sembra essere stato indagato da Faletti e ricostruito per bene, di precisione – si parla anche navajo (ma un arco da caccia, anche se si evoca “Rambo 2”, da “un’ottantina di libbre”?). Per cinquecento però densissime pagine. Ogni capitolo un set diverso, che rallenta la lettura, e presto la fa indigesta. Con l’effetto non commendevole degli svelti gialli “bostoniani” del primo Scerbanenco, di falso falso.
Sarà tutto vero, Flagstaff, i Navajo, il turismo etnico, i mezzosangue “bianchi” e quelli indiani, per parte di madre. Ma non sembra. O Faletti si è voluto divertire del lettore? In esergo mette un Barboncito, capo Navajo (molti capi Navajo hanno nomi castigliani...), che a maggio del 1868 avrebbe detto: “Io spero in Dio\ che non mi chiederete\ di andare in nessun altro paese\ tranne il mio”.

Giorgio Faletti, Fuori da un evidente destino, Baldini Castoldi Dalai, pp. 499 € 2,06

Nessun commento: