Cerca nel blog

domenica 27 dicembre 2015

Siamo tutti terroristi

Per stasis, guerra civile, Platone intende, secondo Nicole Loreaux, sulla cui lettura Agaben articola il primo intervento, la pratica ateniese della litigiosità. E più in famiglia e tra famiglie, nella coppia, tra padri e figli, tra figli. Che , dice Platone, “Repubblica”, 471, “si combattono come se fossero destinati a riconciliarsi”. E questo è Hobbes, quello dell’homo homini lupus, oggetto del secondo saggio del volumetto. Si penserebbe questo Hobbes, ma è un altro: è quello del frontespizio del “Leviatano” (Agamben dopo Ginzburg, o meglio viceversa - ma sul frontespizio molti si esercitano), e della parte III dello stesso libro, che tratta della politica come teologia. Per finire col dare ragione a Carl Schmitt che la tesi ha anticipato (Agamben dopo Tronti, o viceversa). Rafforzandolo con la lettura di san Paolo – che è quella di Taubes, che Agamben non cita.
Un libro inconcludente. Collegabile a “Homo sacer”, ma come divagazione. Agamben stesso non si propone di riempire il vuoto – tentare una teoria generale della guerra civile. Si propone di analizzarne due concezioni, quella di Hobbes e quella greca, di Socrate-Platone-Aristotele. Ma poi solo su questa si attarda, e solo nella lettura di Nicole Loreaux, che la vita politica assimila a quella familiare. Un approccio, malgrado tutto, bizzarro. Concludendo, con molti salti, che il terrorismo è la nostra storia: “Non è un caso se il «terrore» ha coinciso col momento in cui la vita come tale – la nazione, cioè la nascita – diveniva il principio della sovranità. La sola forma in cui la vita come tale può essere politicizzata è l’esposizione incondizionale alla morte, cioè la vita nuda”.
Una conclusione aggiunta - i due testi che si esumano sono di due seminari a Princeton dell’ottobre 2011, subito dopo l’11 settembre? E il “terrore” che coincide con la nazione, con la sovranità, sarà quello di Robespierre? Ma la nazione era già nata. La guerra, certo, è sempre tra esseri umani, di qualsiasi nazionalità.

Più conclusivo invece l’intervento di Agamben oggi su “Le Monde”, sullo stato d’emergenza decretato in Francia contro il terrorismo – che si proroga di tre mesi in tre mesi. Sulla sospensione cioè delle procedure giudiziarie, l’applicazione della legge lasciando alla discrezionalità del potere. Una reviviscenza della “ragion di Stato”, oggi definita “Stato di sicurezza”, che equivale a una legittimazione dello Stato stesso attraverso la paura. Un ritorno allo stato “hobbesiano” che: 1) “È uno Stato di polizia”, 2) che non dà la scurezza che promette ma aggrava la paura, e 3) “depoliticizzando il cittadino, diventato in qualche modo un terrorista in potenza” - espropriandolo della politica – entra in una zona grigia e minacciosa.
Giorgio Agamben, Stasis. La guerra civile come paradigma politico. Homo sacer, II, 2, Bollati Boringhieri, pp. 74, ill. € 14

Nessun commento: