Cerca nel blog

martedì 6 aprile 2021

Per Juventus F.C. lo spettro dell'amministrazione controllata

Il Napoli, la squadra di calcio, decide domani il destino della società per azioni Juventus, se va in amministrazione controllata. La cosa non si dice, un po’ per scaramanzia, un po’ perché meta buona dei giornali fa capo al padrone del club, la finanziaria Exor della Famiglia Agnelli, ma è nei fatti.
Il Napoli si è portato a pari punti con la Juventus nel campionato, e nello scontro diretto domani potrebbe superarla. A quel punto i pretendenti al terzo e quarto posto di Champions League (considerando l’Inter sicura e il Milan quasi sicuro) diventano cinque, e fra le cinque la Juventus è in manifesta crisi tecnica. In caso di sconfitta improcrastinabile, ma con poco margine per un raddrizzamento della situazione sportiva. L’esclusione dalla Champions League diventerebbe possibile, e alle condizioni attuali scontata.  
Il primo scricchiolio della situazione patrimoniale è la richiesta di posponimento delle mensilità restanti della stagione 2020-2021 alla gestione successiva, a partire dall’1 luglio. Ma l’esclusione dalla Champions League ridurrebbe considerevolmente il budget dell’anno prossimo, fra premi di partecipazione Champions, sponsorizzazioni e merchandising, e imporrebbe vendite a tutti i costi del parco calciatori, il che potrebbe comportate minusvalenze. Il monte ingaggi è elevatissimo, sui 250 milioni. Il debito pure, sui 400 milioni. Mentre un aumento di capitale, dopo quello monstre di 190 milioni un anno fa, è evidentemente improponibile - per quanto la Famiglia Agnelli possa essere affezionata al club.

Nessun commento: